Prosus di Vescovato, lo sciopero dei lavoratori costringe l'azienda ad accettare l'incontro in Prefettura

Cremona -

Nell’impianto Prosus di Vescovato (CR), i lavoratori oggi sono scesi in sciopero contro i padroni e i loro appaltatori, che se ne fregano dei contratti, della legge e dei protocolli antiCovid.

Non applicando l'inquadramento corretto sottraggono a ogni lavoratore 370 euro al mese, e come se non bastasse se ne sbattono di distanziamento sociale e misure di prevenzione in un impianto dove ci sono stati decine di contagiati.

I facchini però oggi sono scesi in sciopero compatti. Sono in gran parte indiani e sanno come si fa, fanno come i loro fratelli, i "farmers" in India.

Lo sciopero è riuscito e l’azienda ha accettato di incontrare i lavoratori alla Prefettura di Cremona, dicendosi disponibili a risolvere i problemi. Per questo motivo USB da domani interrompe lo sciopero in attesa dell’incontro.

Vedremo, altrimenti “Vescovato come Delhi!”

#SCHIAVIMAI

Unione Sindacale di Base - Logistica

 

Cremona 26-4-2021

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati